Indietro

"La cura sono io" - Maria Teresa Ferrari

  • Media
  • Stories
  • "La cura sono io" - Maria Teresa Ferrari

"La cura sono io" - Maria Teresa Ferrari

Sostenibilità

L’associazione «La Cura sono Io» ha realizzato una linea di copricapi per le donne in terapia oncologica. L’iniziativa partita grazie al contributo della Fondazione Cattolica

Nuovo appuntamento della Fondazione Cattolica con l’iniziativa «Nel cuore della realtà», lanciata nel 2014 per conoscere persone e associazioni del Terzo settore locale e nazionale. Venerdì 27 ottobre, in auditorium Bisoffi, ha portato la sua testimonianza Maria Teresa Ferrari, giornalista ed organizzatrice culturale, che dopo l’esperienza della malattia oncologica ha deciso di mettere a disposizione il suo sorriso e la sua creatività per aiutare le donne nella sua stessa condizione.

Maria Teresa ha dato vita all’associazione «La Cura sono Io», con l’obiettivo di non permettere al cancro, nel suo caso una neoplasia mammaria, di «rubare la speranza». Ci vuole fermezza, ma anche dolcezza, ha ricordato, per contrastarlo, «e non serve l’aggressività, perché è con il cuore che si vincono queste battaglie».

Ci vuole fermezza, ma anche dolcezza e non serve l’aggressività, perché è con il cuore che si vincono queste battaglie»
Maria Teresa Ferrari

 

Il coraggio e la forza della dolcezza, ha osservato, aiutano a superare i «momenti più difficili, che certo non mancano, ma bisogna mantenere sempre uno spirito positivo, sapendo che la luce è dentro di noi e non si spegne, mai».

Grazie al contributo di Fondazione Cattolica, Maria Teresa ha realizzato una linea di copricapi, i «Cappelli ad Arte», nata allo scopo di «mettere in luce la bellezza di tutte le donne, anche quelle affette da diverse patologie o in terapia oncologica».

La vendita dei cappelli, che avviene direttamente all’Atelier Corso di Vicolo Pomodoro 10 a Verona o nello shop solidale del sito www.la curasonoio.it, sostiene l’attività dell’omonima associazione e consente di valorizzare qualità e stile di vita delle «compagne di viaggio», come le chiama Maria Teresa, ma soprattutto di non «rinunciare alla bellezza e all’amore dentro e fuori di noi».

bisogna mantenere sempre uno spirito positivo, sapendo che la luce è dentro di noi e non si spegne, mai»
Maria Teresa Ferrari
Articoli simili