Indietro

L’Ad di Cattolica Alberto Minali ospite al 20mo Annual Assicurazioni de Il Sole24Ore

  • Media
  • News
  • L’Ad di Cattolica Alberto Minali ospite al 20mo Annual Assicurazioni de Il Sole24Ore
L’Ad di Cattolica Alberto Minali ospite al 20mo Annual Assicurazioni de Il Sole24Ore
13 novembre 2018
L’Ad di Cattolica Alberto Minali ospite al 20mo Annual Assicurazioni de Il Sole24Ore

«Come la rivoluzione digitale sta cambiando i rischi e l’insurance business»: era questo il titolo del panel di apertura della seconda giornata di lavori del 20mo Annual Assicurazioni organizzato il 12 e 13 novembre nella sede milanese de Il Sole24Ore, a cui ha partecipato l’Amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni, Alberto Minali. Nel corso di un dibattito che ha riunito al tavolo dei relatori anche Andreas Moser, CEO di Munich Re Italia, e Dominque Uzel, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Groupama Assicurazioni, Minali ha definito le strategie adottate dal Gruppo per rimanere competitivi affrontando con maggiore rapidità ed efficacia le sfide di settore imposte dalle nuove tecnologie digitali.

«Una delle prime iniziative avviate al mio arrivo in Cattolica è stata proprio la creazione di un data analytical team: una squadra al lavoro sulla trasformazione della società in una data driven company, cioè un’azienda capace di sfruttare un unico deposito di informazioni che potessero essere utilizzate dai diversi dipartimenti - ha evidenziato Alberto Minali nel suo intervento - ho posto questo team in capo al business, perché fosse in grado, guardando sia al dato statico che a quello dinamico, di creare prodotti personalizzati, adeguati a diverse tipologie di cliente. È stata una decisone presa nella consapevolezza che la tecnologia impatta sul nostro settore al punto tale che i modelli di business stanno cambiando: le prime avvisaglie ci sono già con i modelli di instant insurance o micro insurance già sul mercato».

Un altro aspetto affrontato dal manager nel corso dell’incontro è stato quello dell’innovazione digitale applicata al mondo dell’impresa - in particolare del comparto agroalimentare - per prevenire ed arginare i rischi connessi alle calamità naturali. «In questo senso noi ci stiamo muovendo verso processi digitali per rendere più rapida ed efficace la procedura della liquidazione del sinistro in agricoltura, per esempio attraverso l’uso di droni e mappature geolocalizzate - ha spiegato Minali. - Sul tema dei rischi catastrofali c’è poi da sottolineare che l’Italia è un Paese sottoassicurato. Una maggiore cultura del rischio aiuterebbe gli imprenditori a comprendere che le assicurazioni hanno un evidente ruolo sociale. Pensiamo ai terremoti che hanno sconvolto l’Emilia e l’Abruzzo: nel primo caso il fatto che molte aziende fossero assicurate ha reso possibile alla Regione rimettere in moto in tempi rapidi la catena del lavoro».