Total Tax Contribution

Anche per il 2018 il Gruppo Cattolica ha deciso di pubblicare le informazioni circa la sua contribuzione fiscale complessiva. Il prodotto di tale impegno è il progetto Total Tax Contribution.

Tale iniziativa, avviata nel corso del 2017, segue una tendenza del legislatore internazionale, con l’intento di incrementare la trasparenza fiscale da parte dei gruppi economici (e.g. progetto BEPS promosso dall’OCSE, non-financial reporting, ecc.). 

Il fine è quello di comunicare agli stakeholder, in modo trasparente e immediato, le informazioni relative alle imposte e ai contributi versati1 in Italia, anche al fine di rafforzare la percezione dell’impegno di responsabilità sociale del Gruppo.

L’approccio Total Tax Contribution consente di fornire adeguata disclosure da parte del Gruppo alle giurisdizioni fiscali presso cui opera, mediante una comunicazione trasparente ed esaustiva

Il modello rappresenta in dettaglio le tipologie di reddito oggetto di prelievo che hanno generato il pagamento di un’imposta. 

Le tabelle seguenti evidenziano la contribuzione fiscale complessiva del Gruppo Cattolica Assicurazioni per l’annualità 20182.

 

 

1 La Total Tax Contribution considera la totalità delle imposte versate nel corso del 2018 secondo il principio “per cassa”, a differenza di quanto riportato nel modello di determinazione del valore economico generato e distribuito, che segue il principio “per competenza”.

2 I dati si riferiscono al perimetro del Gruppo Cattolica al 31.12.2018, incluse le società Vera Vita, Vera Assicurazioni e Vera Protezione per la quota di competenza del Gruppo (post closing). Fanno eccezione i dati relativi a Cattolica Agricola che non sono riportati, in quanto l’apporto di tale società alla contribuzione fiscale del Gruppo è trascurabile.

 

I rischi in ambito di corruzione

Con riferimento ai potenziali rischi di corruzione, i principali fattori di rischio sono stati identificati all’interno delle attività di assessment ai sensi del D.Lgs. 231/2001. Tale valutazione ha permesso di identificare adeguati meccanismi di controllo e prevenzione, definiti all’interno del Modello Organizzativo.

All’interno della formazione ai sensi del D.Lgs. 231/2001 è inclusa la formazione in ambito anticorruzione.

In ragione della forte attenzione verso tale ambito, il Gruppo ha avviato un processo di revisione della normativa interna per rafforzare ulteriormente i presidi in essere per il contrasto alla corruzione.