Per visualizzare questo video devi prima accettare i cookie di profilazione e fare il refresh della pagina.

  • Risparmio e Futuro

Diversificazione

di Marco lo Conte

Il concetto di diversificazione è ben noto a tutti: evitare di “mettere tutte le uova nello stesso paniere”. Ma quando veniamo messi alla prova risulta difficile applicare questo concetto alla pratica e infatti gli italiani sono in coda alle classifiche internazionali in materia di alfabetizzazione finanziaria, soprattutto in tema diversificazione. Per fare chiarezza e indirizzare le decisioni al meglio, è necessario ricordare che diversificare il proprio portafoglio significa far dipendere i rendimenti non da un solo ma da una pluralità di asset finanziari, tra loro controbilanciati in modo che quando uno sale l'altro scende. Non si tratta quindi di investire in tanti titoli, ma di armonizzarli tra loro o, per meglio dire, la correlazione interna di portafoglio. Il che ci ricorda l’obiettivo della diversificazione, ossia ridurre i rischi.

Ma com’è composto il portafoglio degli italiani? Osservando i dati aggregati è evidente come il 60% degli asset complessivi è investito nel mattone: la casa ha un valore importante, anche affettivo, nonostante l’immobiliare sia un mercato illiquido, sicuramente non privo di rischio e dai rendimenti non sempre esaltanti. Il restante 40% è investito in strumenti finanziari, ma spesso in maniera poco diversificata: il 20% è investito in titoli di Stato, ossia in emissioni del Tesoro italiano, denaro che va a finanziare i servizi e gli investimenti di casa nostra. Molto minore è la quota investita in azioni, visto che oscilla intorno al 5%, con una preponderanza di risparmiatori che investono in un solo titolo azionario. Solo il 20% del portafoglio è investito in strumenti di risparmio gestito che sono per loro natura diversificati visto che investono in una pluralità di titoli, controllandone il rischio da parte di professionisti del risparmio. Il che rappresenta una scelta importante, anche se non esclusiva: chi ha interesse per la finanza e il risparmio e coltiva competenze in materia può imparare a dosare le proprie scelte diversificando gli strumenti utilizzati per far lievitare nel tempo il proprio denaro.

 

Marco lo Conte
Giornalista de Il Sole 24 Ore, responsabile del team di social media editor